Kindle Paperwhite Beyoncé's Concert Bobbi Brown Be Who You Are
Personale

Considerazioni Casuali: Kindle, Beyoncé, e #BeWhoYouAre

Mi sono arresa.

Ho sfruttato gli sconti dell’Amazon Prime Day ed ho comprato un Kindle Paperwhite.

Non volevo, ma ho dovuto per una ragione molto semplice: il mio appartamento è minuscolo e non c’è più spazio per i libri.

Il motivo per cui non volevo un Kindle è che ho sempre amato i libri – non solo le parole che contengono, ma anche la loro fisicità.

Ho sempre adorato passare ore nelle librerie. Semplicemente stare in mezzo ai libri mi fa sentire bene. Tutte quelle copertine, e quelle costole, e l’odore di pagine nuove…

Pagine… Lo sapete che gli ebook Kindle non hanno i numeri di pagina? Mostrano solo la percentuale di libro che avete letto, quindi invece di vedere, tipo, pagina ’62’, vedrete, non so, ‘20%’. Quanto cavolo è fredda e ‘scientifica’ questa cosa? Un libro è un’opera d’arte (spesso!), non un esperimento di laboratorio… VOGLIO INDIETRO I MIEI NUMERI DI PAGINA, £&%$°@€#!!! [Aspettate! Ho appena scoperto, mentre edito il post, che si può scegliere di far vedere i numeri di pagina, se l’editore li ha inseriti nel file del libro. MENO MALE!]Kindle PaperwhiteComunque, se l’unica cosa che vi interessa è il contenuto dei libri, penso proprio che adorereste il Kindle. Dopotutto ci sono aspetti che piacciono molto anche a me – come la possibilità di cominciare a leggere qualsiasi libro in qualunque momento, dovunque mi trovi, o il fatto che gli ebook di solito costino meno dei loro corrispettivi di carta.

Beyoncé Concerto Milano San Siro 2016Beyoncé live a San Siro il 18 luglio


Cambiando argomento, lunedì scorso sono stata a Milano per il concerto di Beyoncé, che è stato veramente meraviglioso. Com’è possibile che così tanto talento (e bellezza) si sia concentrato in un singolo essere umano?!

Penso che se potessi ‘rubarle’ un paio di cose, sarebbero:

  1. la sua voce. Quando ha cantato a cappella mi ha letteralmente fatto venire la pelle d’oca.
  2. la sua onnipresente macchina del vento. Il palco era enorme: c’era un palco principale collegato ad altri due palchi minori da passerelle, e in più c’era una terza passerella sulla destra del palco principale. Beh, dovunque si trovasse all’interno di quest’area, Queen Bey aveva sempre il vento tra i capelli. Quanto sarebbe fico avere costantemente il vento tra i capelli, dovunque si vada? Nell’afa bolognese sarebbe veramente utile! 😉

Bobbi Brown Be Who You AreLa campagna #BeWhoYouAre di Bobbi Brown celebra la bellezza naturale di ogni donna


Avete visto la nuova campagna #BeWhoYouAre di Bobbi Brown? Io l’ho vista la settimana scorsa su Instagram e me ne sono innamorata. Celebra la bellezza naturale di ogni donna e promuove l’idea che il trucco debba enfatizzarla piuttosto che mascherarla – un’idea che anch’io, nel mio piccolo, cerco di portare avanti.

In un mondo dove la più grande Instagram celebrity è un’adolescente il cui aspetto è stato completamente stravolto dalla chirurgia estetica (68,4 milioni di follower… ma davvero??!), penso che la campagna di Bobbi Brown sia una boccata d’aria fresca. E voi che ne pensate?


SEGUITEMI SU Instagram | Facebook | Twitter | Bloglovin’ | Google+

E potete trovarmi anche su Snapchat come carolinapage!

You Might Also Like...

2 Comments

  • Reply
    Eni
    26 luglio, 2016 at 11:19 pm

    Sugli ebook sono d’accordo con te. Che bello vedere Beyonce dal vivo, immagino che spettacolo!!! Un bacio e buona serata,
    Eni

    Eniwhere Fashion
    Eniwhere Fashion Facebook

  • Leave a Reply