Cura della Pelle

Sunday Riley Juno Hydroactive Cellular Face Oil, Dimpleplasty & Piccole Seccature

Se vi dovesse capitare di avere un’ottantina di euro che non sapete come spendere, potreste sicuramente trovare modi ben peggiori che spenderli per il Sunday Riley Juno Hydroactive Cellular Face Oil.

Quest’ottimo olio della skincare guru Sunday Riley è ricchissimo di quelle strabilianti sostanze anti radicali liberi che chiamiamo antiossidanti.

Sunday Riley Juno Olio Viso ReviewPotete acquistare l’olio viso Juno di Sunday Riley su CultBeauty. Io ho il flacone da 30 ml che costa £70 (circa €78 al momento), ma ho visto che c’è anche un formato da 15 ml che costa la metà. Se ne usa così poco alla volta che penso che anche il flacone più piccolo possa durare un’eternità


Se volete una spiegazione approfondita di che cosa siano gli antiossidanti e in che modo apportino benefici alla pelle, vi consiglio di leggervi questo interessantissimo articolo (in lingua inglese) su Lab Muffin. Ma per farla breve, i radicali liberi causano l’invecchiamento e gli antiossidanti hanno il potere di neutralizzarli.

Non male, eh? 😉

Juno di Sunday Riley è una miscela di nove diversi oli che hanno tutti effetto antiossidante. È perfetto da usare tutto l’anno, ma è particolarmente indicato d’estate, quando la maggior parte di noi tende a trascorrere più tempo all’aperto. Come forse saprete, l’esposizione ai raggi UV aumenta la formazione di radicali liberi nella pelle, quindi in questa stagione, oltre ad applicare sempre una crema solare, penso che sia importante utilizzare anche prodotti ricchi di antiossidanti per cercare di contrastare il più possibile i danni causati dal sole.

Sunday Riley Juno Olio Viso Ingredienti ReviewIngredienti del Sunday Riley Juno Hydroactive Cellular Face Oil


Avendo la pelle grassa, io uso Juno di Sunday Riley solo di sera, ma se avete una pelle più secca vi consiglio di usarlo al mattino. Lascerà la vostra pelle profondamente idratata e creerà una sorta di barriera protettiva contro le aggressioni esterne (raggi solari, inquinamento, ecc.).

Inoltre, penso che sia interessante notare che Juno non contiene oli essenziali ed è quindi adatto anche alle pelli sensibili che non tollerano questo tipo di sostanze.

Prima di cambiare completamente argomento, è opportuno soffermarsi un attimo sull’odore di quest’olio: Juno ha un odore erboso, alquanto particolare. A me non dà fastidio e comunque lo sento solo durante l’applicazione, ma immagino che possa non essere per tutti.

***

NOTIZIONA: A quanto pare, la dimpleplasty (operazione chirurgica per creare le fossette alle guance) è la moda del momento.

Non so se la cosa mi lasci più lusingata o perplessa…

Voglio dire, ci sono persone disposte a sottoporsi a un intervento chirurgico per ottenere un tratto che io ho semplicemente ereditato da mio padre, in qualche modo dovrei essere lusingata, giusto?

SBAGLIATO!

Sinceramente sono molto perplessa. Cioè, ci sono persone disposte a sottoporsi a un intervento chirurgico solo per avere delle piccole indentazioni nelle guance…

Pazzesco!

***

Ultimamente sto un po’ meglio rispetto all’ultima volta che abbiamo parlato, ma di recente ho avuto qualche piccola seccatura che mi ha impedito di lavorare al blog. Ovvero:

  • Giornate molto intense al lavoro.
  • SiteGround, l’azienda proprietaria del server che ospita Carol in a Page, ha stabilito che il mio blog stava utilizzando troppe risorse sul server ed ha quindi deciso di limitarle. Di conseguenza il sito è stato offline per qualche giorno finché non sono riuscita a risolvere il problema.
  • Ho avuto una sorta di reazione allergica a un qualche prodotto labbra/ingrediente, ma ancora non sono riuscita a capire quale sia. Al momento credo che possa essere la cera d’api, ingrediente presente nel 99,999999% dei burrocacao, compreso il mio adorato Nuxe Rêve de Miel e gli altri due balsami labbra con cui ho provato a rimpiazzarlo. Periodicamente, il mio labbro superiore si squama, si spacca e brucia. Ho appena ordinato un paio di balsami senza cera d’api (uno di Crazy Rumors e uno di Lush) per vedere se è veramente questa sostanza che mi causa il problema.

Come vanno le cose dalla vostra parte dello schermo? 🙂


Se questo post vi è piaciuto, per favore, supportate Carol in a Page seguendomi su Instagram | Facebook | Twitter | Bloglovin’ | Google+

You Might Also Like...

1 Comment

  • Reply
    ilenia
    31 luglio, 2017 at 5:28 pm

    Oddio avevo sentito qualcosa in merito all’operazione per le fossette, ma non credevo si stesse diffondendo così tanto :-/ sono sconcertata, ormai sembra che per qualsiasi cosa si debba ricorrere al chirurgo plastico…
    Spero il problema del labbro si risolva presto Carol 🙁

  • Leave a Reply